Vai al corso “Educa il tuo cane”

Spazzolino per cane

L’igiene orale è fondamentale per la salute del tuo cane. Spazzolare i denti al tuo amico peloso deve diventare una vera e propria routine, così come lo è per noi.

Spazzolino per caniAll’interno della bocca del tuo amico peloso, infatti, dopo i pasti comincia una vera e propria battaglia tra la gengiva e la placca, nemico principale dell’alito del tuo cane: lotta difficile da vincere se la placca non viene rimossa in alcun modo. La gengiva quindi comincerà a infiammarsi. fino a procurare dolore. A lungo andare, questo può portare a malattie paradentali e a fastidiose e pericolose infezioni. Per evitarlo, quindi, è indispensabile impedire che la placca si depositi.

Una buona igiene orale e una puntuale cura della bocca, perciò, sono sinonimi di vita più lunga e più serena per il tuo animale domestico.

Certo, non è semplice convincere il tuo cane a effettuare questa pratica di pulizia frequentemente: occorrono tutta la pazienza e l’affetto possibili.

Non solo: occorre anche imparare a usare gli strumenti migliori. In questo articolo, vedremo insieme come spazzolare i denti al proprio cane, e quali spazzolini usare: quelli con manico, quelli da dito, o uno spazzolino a ultrasuoni per cane.

Ma, prima, vediamo i modelli più venduti online:

Ultimo aggiornamento: 2024-05-21


Come spazzolare i denti

Lo spazzolino è lo strumento indispensabile per combattere la formazione della placca. Anche se sembra davvero strano per chi non accudisce un animale sentire parlare di spazzolino e dentifricio anche per loro, è in realtà un’abitudine naturalissima e utile per la loro salute proprio come lo è per la nostra.

Ovviamente loro hanno bisogno del nostro aiuto e del resto glielo dobbiamo visto tutto l’amore incondizionato che riescono ad offrirci!

Quindi come fare? Innanzitutto cerca di abituarlo sin da subito a questa pratica (già dall’ottava settimana di età puoi cominciare a lavargli i denti) in modo che per lui diventi un momento naturale della sua giornata e non risulti stressante.

I suoi denti non saranno completamente sviluppati prima dei 6-7 mesi di età ma in quel momento per lui non sarà più un problema lavarsi i denti se lo hai già abituato fin da subito.

Lavati bene le mani prima di effettuare questa pratica e cerca di tenere le unghie corte in modo da garantire l’igiene assoluta al tuo amico peloso.

Ultimo aggiornamento: 2024-05-21


Sarebbe ideale lavarglieli dopo che ha corso e giocato e quindi presumibilmente più stanco. E’ consigliabile anche lavargli i denti mentre qualcun altro lo accarezza e lo aiuta a restare calmo specie negli animali più riluttanti a effettuare questa pratica.
Introduci al cane il sapore del dentifricio lasciando che lo assaggi leccandoti le dita.

Abitualo ad essere toccato in bocca: con il dentifricio sul tuo dito spalmalo delicatamente sui denti e sulle gengive.
Dopodiché comincia ad usare lo spazzolino: comincia da molari e premolari, dato che solitamente i cani tollerano più la retrazione delle labbra piuttosto che il sollevamento del naso.

Ultimo aggiornamento: 2024-05-20

Puoi iniziare a pulire la parte esterna della sua bocca senza dover già costringerlo ad aprirla completamente. Una volta che si è abituato a questo procedimento puoi passare alla zona interna per completare il lavoro. Metti una mano sopra la parte superiore del muso sollevando le labbra superiori per aprirgli la bocca. Se incontri ancora difficoltà applica una leggera pressione verso l’interno in modo da convincerlo maggiormente.

Cerca di tenere un’angolatura di 45° tra lo spazzolino e la superficie del dente in modo da pulire bene anche il solco gengivale. Effettua piccoli movimenti rotatori e termina la pulizia con movimenti verticali in modo da eliminare la placca tra un interstizio e l’altro.

Se alcuni denti dondolano, o dimostra sensibilità in alcune zone della bocca o ancora noti del sanguinamento anomalo portalo subito dal veterinario.

Non costringerlo o forzarlo se dimostra di non apprezzare questo momento di pulizia: se vedi che mostra paura e aggressività interrompila e continua il giorno successivo. In questi casi puoi anche provare ad utilizzare uno spazzolino osso, molto pratico:

Ultimo aggiornamento: 2024-05-21

Nel caso dovessi continuare ad avere problemi fatti aiutare inizialmente dal tuo veterinario o da un comportamentista cinofilo.
Per cani piccoli o con il muso corto (come lo Shih Tzu e il Bulldog) la pulizia con lo spazzolino dovrebbe essere effettuata più spesso, anche una o due volte al giorno, in quanto hanno una dentatura più stretta e ravvicinata, cosa che può favorire la formazione di placca e tartaro.

Quale spazzolino usare?

Una volta compresa la tecnica di pulizia occorre capire quale spazzolino è ideale per il peloso di famiglia. Non è consigliabile uno per gli esseri umani adulti, al massimo uno per bambini con setole morbide.

Soluzioni fatte in casa possono essere un vecchio panno, un paio di calze che non usi più o un pezzo di garza avvolto intorno al dito. Esistono anche snack masticabili a forma di spazzolino, altamente digeribili e utili anche per la pulizia dentale.

Data la vasta scelta di prodotti disponibili in commercio il consiglio è quello di scegliere uno studiato appositamente per lui, sia per la tua comodità nell’usarlo sia per garantire comfort e igiene al tuo animale domestico.

Esistono varie tipologie ma le più utilizzate sono:

  • lo spazzolino con manico;
  • lo spazzolino da dito;
  • lo spazzolino elettrico ad ultrasuoni.

Lo spazzolino con manico

E’ molto simile a quello che usiamo noi umani: ha la lunghezza necessaria per raggiungere tutti gli angoli della bocca del tuo cane. Solitamente sono dotati all’estremità di due teste (o una affianco all’altra) per favorire la pulizia e adattarsi alla taglia del tuo amico peloso.

Le setole sono morbide per risultare delicate sulle gengive e leggermente inclinate per permettere una pulizia profonda, raggiungendo le zone tra un dente e l’altro. E’ consigliabile cambiarlo ogni tre mesi. Il prezzo è davvero irrisorio: i più economici partono dai 2 euro circa.

Lo spazzolino da dito

Lo spazzolino da dito è ideale per cani di piccola taglia o per soggetti sensibili. E’ molto delicato su denti e gengive e per questo motivo è consigliato per cani che spesso sono restii alla pulizia dei denti. Permette inoltre di percepire meglio quali parti della bocca sono state realmente pulite.

E’ realizzato in microfibra e possiede qualità antibatteriche. E’ pensato per essere infilato comodamente e rapidamente al dito in modo da effettuare una pulizia completa e profonda. Se ne consiglia l’uso almeno due/tre volte alla settimana. Solitamente viene venduto nella confezione che include due pezzi. Anche in questo caso il prezzo è davvero appetibile: si parte dai 3,50 euro per due spazzolini.

E’ proprio il caso di dire che per l’igiene orale del tuo cane basta un dito!

Ultimo aggiornamento: 2024-05-21

Lo spazzolino ad ultrasuoni

La particolarità di questo spazzolino consiste nello spazzolare i denti del tuo cane senza dover sfregare: grazie agli ultrasuoni che raggiungono fino a 96 milioni di oscillazioni al minuto puoi rimuovere efficacemente assieme alle micro-bolle, batteri, placca e tartaro dai denti del tuo fedele amico a 4 zampe. E’ ideale contro infiammazioni gengivali, periodontiti, patologie del cavo orale e alitosi.

Si tratta di onde d’aria che agiscono efficacemente senza disturbare il tuo cane in quanto lo spazzolino non vibra assolutamente: ti basterà porre sullo spazzolino la quantità necessaria di dentifricio dopodiché accenderlo e farlo osservare al tuo cane, dopodiché appoggialo sulla bocca sollevando le labbra per inserire lo spazzolino.

Ultimo aggiornamento: 2024-05-21


Passalo su ciascun dente senza spazzolare altrimenti gli ultrasuoni non potranno agire sul dente ed essere efficaci. Infine sciacqualo con acqua corrente e spegnilo. Gli ultrasuoni sono sterilizzanti quindi una volta sciacquato il tuo spazzolino è pronto per un successivo utilizzo.

In questo caso il prezzo è più impegnativo (circa 200 euro). Potrebbe essere l’idea regalo per qualche occasione speciale che lo riguardi.